domenica 18 maggio 2008

Monticelli d'Ongina - La Rocca dei Pallavicino

Monticelli d'Ongina rappresenta uno dei principali centri della Bassa Padana piacentina. Di fondazione romana, la colonizzazione di "Monticellorum De Unghinis", questo il nome antico del paese, fu dovuta alla sua favorevole posizione strategica data dalla vicinanza col fiume Po, prerogativa che da sempre, ne ha contraddistinto la storia favorendone lo sviluppo economico e sociale.

Nel X secolo il paese era sotto la giurisdizione del Vescovo di Cremona, per passare in seguito sotto il dominio di due famiglie cremonesi, i Dovara e i Bonifaci de Unghinis (dal cui nome deriva il toponimo d'''Ongina'') che mantennero il possesso del paese fino al 1335, anno in cui, la Città di Cremona, divenne dei Visconti che cedettero il feudo al marchese Rolando Pallavicino che fece del paese un vivace centro culturale. A lui si deve la costruzione dell'imponente castello, che venne ultimato nel corso del XV secolo per volontà del figlio Carlo, vescovo di Lodi.

L'edificio, che presenta una pianta quadrangolare circondata da un ampio fossato, è dotato ai lati di quattro torrioni circolari secondo una classica tipologia dei manieri del piacentino.
Attraverso lo scalone di rappresentanza, affrescato nel XVIII secolo, si giunge agli appartamenti nobiliari arricchiti dagli affreschi del salone d'onore raffiguranti "Il Trionfo della famiglia Casali".
Di grande valore artistico la bellissima cappella quattrocentesca, affrescata nel XV secolo, da Bonifacio e Benedetto Bembo.
Attualmente la rocca rappresenta il fulcro culturale di Monticelli. al suo interno, infatti, vengono ospitati l'Acquario, il Museo Etnografico del Po ed, Inoltre, vengono destinati spazi espositivi per manifestazioni organizzate dalla Fondazione D'Ars.

Castello Pallavicino - secolo XV secolo

foto di Sbarrax

Informazioni tratte da: www.comune.monticelli.pc.it

Nessun commento: