lunedì 20 agosto 2012

un maggiore rispetto per Piazza cavalli!

In passato, feci diversi post inerenti a Piazza cavalli, da tutti (compresi gli amministratori comunali), ritenuta la piazza principale di Piacenza. Furono numerose le critiche che mossi nei confronti dell'operato della giunta di Roberto Reggi; sulla poca attenzione verso il decoro urbano e al mantenimento del nostro patrimonio artistico. Bene, se possibile, il nuovo sindaco Paolo Dosi sta a mio parere agendo peggio.
Almeno, a Reggi, si poteva imputare una conduzione un po' troppo dispotica ma, certamente, non si poteva  affermare che sotto la sua gestione, la città non avesse avuto notevoli trasformazioni urbanistiche.

La città, dal 22/05/2012, giorno in cui è al potere della stessa Paolo Dosi, sembra completamente "ferma"; evitando, ovviamente, di considerare quei lavori pubblici iniziati durante "l'amministazione di Reggi".
Piazza cavalli, che dovrebbe essere il biglietto da visita di Piacenza, è lasciata completamente al suo triste destino, venendo trattata come un vero e proprio magazzino comunale in cui accantonare le varie transenne e, l'orribile palco utilizzato per le varie manifestazioni che, dalla fine dei "venerdì piacentini" non è mai più stato utilizzato ma che, in compenso, "domina" la piazza con la sua orribile struttura metallica.
Si sprecano proclami per far "rivivere" il centro storico ma, poi, lo si tratta ignorandone la storicità e la sua dignità. Si abolisce il consumo di alcolici nelle sue piazze quando, poi, in via Roma e ai giardini Margherita, decine e decine di stranieri vi bivaccano ogni week-end improvvisando improbabili pic-nic; spesso, accompagnati da un uso eccessivo di bevande alcoliche... Inviterei, le persone che si trovassero in disaccordo con le mie parole, a verificare quanto sto affermando; magari, facendo un giretto nelle ore notturne in questi luoghi dove, le ordinanze comunali, sembrano arrivare solo a parole...

Vorrei vedere se, nelle piazze delle città a noi vicine (Pama, Cremona, Lodi, Brescia, etc...), i luoghi ritenuti di maggior interesse artistico e culturale, ricevono il medesimo trattamento riservato a quelli piacentini.
Sinceramente, non penso proprio!!! Mi permetto, di criticare anche l'opposizione comunale, la nostra sovrintendenza ai beni culturali e tutti coloro che, avrebbero "voce in capitolo" per denunciare questa incuria imperante in cui versa Piacenza e che, invece, assistono indifferenti al suo progressivo declino.
Massimo Mazzoni





2 commenti:

Bruno ha detto...

Mi associo a quanto espresso nell'articolo, anche perché vivo nella zona della stazione.
L'ordinanza di vietare la vendita e il consumo di alcolici dalle 21.00 alle 7.00, è quanto meno ridicola, non esistendo controlli ed essendo la fascia oraria scelta assurda.
Ad ogni modo, Piacenza sta raccogliendo ciò che ha seminato e l'abolizione della provincia, se e quando avverrà, ne è la dimostrazione, in particolare il numero di residenti dovrebbe far pensare.

emmeemme78 ha detto...

abito nelle viicinanze di via Roma e, quando invito a farvi un "giretto" ai giardini di notte, a chi potrebbe dissentire dalle mie parole, è proprio perchè scrivo con cognizione di causa di chi vive quotidianamente questo degrado...
La città, il centro storico in particolare, sta avendo negli ultimi vent'anni un progressivo e inarrestabile decadimento. Gli amministratori, sprecano parole in riguardo alla "resurrezione" del centro città ma, poi, non viene fatto nulla che concretamente possa smuovere e far crescere Piacenza.
Gli esempi sono molteplici e saranno approfonditi nei prossimi post del blog.
Massimo