giovedì 10 novembre 2011

La Coppa di Parmah ah ah - L'importanza delle tradizioni e della loro "difesa"

Oggi 9/11/011, apprendo che la "celeberrima" Coppa di Parma dopo vari tentativi ha ottenuto il marchio IGP.
Trovo tutto ciò vergognoso e, di questo, non so a chi vanno i miei complimenti. Alla provincia parmense, sicuramente, va dato merito di aver ottenuto l'ennesima vittoria. Si sono battuti, e alla fine l'hanno spuntata. Alle autorità piacentine, posso solo confermare il mio pensiero su quanto esse siano ingenuotte nei confronti  dei ben più furbi cugini parmensi. La lista, di quanto nei secoli ci siamo fatti scippare dai ducali è lunghissima e, purtroppo, pare non avere mai una fine. La Coppa, rappresenta solo un'ulteriore tassello alla "lista della spesa parmense" al supermercato Piacenza che, ormai da secoli, regala le sue tipicità ai cugini scaltri e mentalmente sviluppati. Molti, mi accuseranno di essere un banale provincialotto. Forse, anzi, sicuramente è così. Alle soglie del 2012, quando la globalizzazione la fa da padrone, certi campanilismi lasciano certamente il tempo che trovano. Allora, mi chiedo il perchè la provincia di Piacenza, non tenti di conquistare la certificazione protetta per quei prodotti notoriamente parmensi (Prosciutto, Culatello etc), ma  che da sempre nel territorio piacentino vengono realizzati. Se ciò avvenisse, immagino una rivolta da parte delle autorità parmensi. Tranquilli, tutto ciò è puramente fantascienza. Tutto sarà come sempre, i parmigiani continueranno a eccellere nelle loro specialità e, ad attingere (quando fa comodo) a "piene mani" nel territorio piacentino. Del resto, a noi "piccoli" piacentini, di tutelare le nostre tradizioni culinarie, storico-artistiche, evidentemente non interessa nulla e, il sottoscritto, inizia ad essere stanco e sempre più frustrato di fronte a questa continua spogliazione della nostra identità. Avviso importante ai cinesi e alle province limitrofe di Cremona, Milano e Mantova: E' in arrivo dalla Comunità Eropea, la certificazione IGP e DOP, per il famoso torrone di Parma, per la cotoletta alla Parmigiana e per i gustosi tortelli alla zucca parmense. Province e cinesi avvisati, mezzi salvati!

1 commento:

Luca ha detto...

Coppa è unica e inconfondibile, quella PIACENTINA!